Gerace Libro Aperto: buona la prima. Partita la rassegna che proseguirà fino al 3 maggio

dal Comune Gerace (Rc) — 

Gerace Libro Aperto, l’attesissima Rassegna di Editoria calabrese, inserita tra i più importanti eventi culturali della nostra regione, ha preso il via stamane, presso la monumentale Chiesa di San Francesco d’Assisi. Dopo la cerimonia inaugurale, con i saluti istituzionali del sindaco, Giuseppe Varacalli, dell’Assessore alla Cultura, Luca Marturano e del Presidente del Parco Nazionale d’Aspromonte, Giuseppe Bombino, ampio spazio ai protagonisti indiscussi della mattinata, gli studenti dell’Istituto Comprensivo “5 Martiri” di Gerace, diretto dalla prof.ssa Pasqualina Zaccheria, per la quale ha porto il saluto la docente vicaria, Sara Marturano.
Ad accompagnare gli allievi della scuola primaria (classi IV e V), i docenti Giuliana Trichilo e Antonio Morabito (Plesso Gerace Capoluogo), Giovanni Spanò (Plesso Vene) e Maria Teresa Simonetti (Plesso Modi), mentre per la scuola secondaria hanno partecipato gli allievi dell’intero ciclo, (Plesso “Scoleri”), accompagnati dai docenti Lucia Fazzari (responsabile della Biblioteca scolastica), Nilde Mazzone e Giuseppe Monteleone. I giovani allievi della scuola secondaria, suddivisi in squadre, si sono cimentati nella singolare e partecipatissima “Gara di lettura”, durante la quale hanno risposto ai quesiti dei loro docenti sui testi letti nei mesi scorsi in classe. Sono seguite le letture di alcuni brani di classici per ragazzi, da parte degli studenti della scuola primaria. Al termine Giovanbattista Vavalà ha letteralmente calamitato l’attenzione dei giovani lettori con il suo libro “Parole Azzurre”, edito da Kaleidon. La Rassegna ha ripreso nel pomeriggio con il poema d’amore di Maria Frisina, “Canto l’anima del sogno” edito da Rubbettino – collana Iride, con la presentazione del volume “Moira”, di Giuseppe Bagnato, edito da Disoblio, e col “Caffè Letterario Mario La Cava” che ha dedicato un incontro alla figura ed all’opera dello scrittore bovalinese Mario La Cava. Sono stati presentati, inoltre, tre autori contemporanei: Lidia Zitara, Anton Francesco Milicia e Domenico Talia le cui opere stanno riscuotendo notevole successo tra il pubblico.

gerace“A nome dell’Amministrazione comunale e della Città di Gerace – ha riferito il sindaco Giuseppe Varacalli – porgo un cordiale saluto ed il benvenuto a quanti, editori, autori, amanti della lettura, turisti o semplici curiosi, da oggi – e fino al prossimo 3 maggio – vorranno onorarci della loro presenza in occasione della IV Edizione di “Gerace libro aperto”. Una Rassegna alla quale il titolo non è stato attribuito a caso. La nostra città, infatti, rappresenta già da sé un vero e proprio “libro” aperto a tutti: un libro che racconta di arte, di storia, di culture e civiltà diverse, di religione, di paesaggi e di artigianato. Basta solo saperlo…sfogliare”. L’assessore comunale alla Cultura, Luca Marturano, ha evidenziato che “quest’anno si è voluto dare risalto al concetto di libertà; non a caso sarà presentato “Il grande inquisitore” di Dostojevskij e si discuterà pure dell’idea di “popoli e culture” nell’ottica europea”. Il presidente del Parco Nazionale d’Aspromonte, Giuseppe Bombino, ha sottolineato l’importanza dei valori culturali specie nell’epoca di internet e della globalizzazione, poi rivolgendosi agli studenti ha detto loro “Considerate il libro come fosse un fiore, uno dei tanti fiori che popolano le splendide alture dell’Aspromonte. Custodite e apprezzate i vostri libri, essi vi renderanno liberi e vi accompagneranno nel vostro cammino di uomini del domani”.

Domani pomeriggio si inizierà alle 16.30, presso la Sala Conferenze del Parco Nazionale d’Aspromonte, con il convegno – dibattito: “L’identità dell’Europa, popoli e culture”, organizzato da “Europe Direct, Calabria & Europa”, sodalizio presieduto da Alessandra Tuzza, modererà gli interventi il giornalista Domenico Logozzo. Alle 19, presso la Chiesa San Francesco d’Assisi sarà la volta di “Racconti in amaranto” dell’attore Giacomo Battaglia – Falzea editore, interverranno l’autore e l’editore, Paolo Falzea.