Noi del M5s lontani anni luce dalle accuse del sindaco di Cosenza

dai membri M5S della Commissione di Vigilanza Rai — 

“Le accuse del sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, avanzate al portavoce in Senato Nicola Morra e all’intero Movimento 5 Stelle, sono tanto ridicole quanto inverosimili e dunque destinate a cadere nel vuoto. Il senatore Morra, come ha lui stesso ribadito, non ha mai fatto nessun esposto per la vicenda delle luminarie di Cosenza, finite nel mirino della Guardia di Finanza; né alcun portavoce del Movimento, né tra i membri della Commissione parlamentare di Vigilanza Rai, né tra quelli di altre Commissioni, ha mai esercitato alcun tipo di pressione sul Tg1 perché mandasse in onda un servizio sulla vicenda, oltretutto 20 giorni dopo l’accaduto. Se solo Occhiuto conoscesse un pochino meglio il Movimento, saprebbe benissimo che questi sono usi e costumi lontani anni luce dal Movimento 5 Stelle”. Lo affermano i membri M5S della Commissione di Vigilanza Rai.

luminarie Cosenza“Il primo cittadino di Cosenza – continuano – evidentemente ignora, o fa finta di ignorare, cosa sia realmente il Movimento e che tra i nostri valori fondanti ci sono la trasparenza e il rifiuto di qualsiasi logica di esercizio del potere propria di un modo di fare politica che non ci appartiene. Gli ricordiamo, allora, che il Movimento agisce alla luce del sole e mai nell’ombra e quando fa una denuncia, un esposto, o qualsiasi altra azione, ci mette la faccia; e che i portavoce M5S sono in Parlamento solo ed esclusivamente per realizzare il programma dei cittadini che li hanno eletti e non per abusare di ruoli e posizioni che ricoprono, né tantomeno per esercitare pressioni sui mezzi di informazioni, piegandoli a mezzi di lotta politica”.