La Viola è l’unico bene supremo: lo spirito di servizio del Presidente uscente Branca

Ieri pomeriggio la notizia, affidata ad una nota stampa: terminata la stagione sportiva 2015/16, il Consiglio di Amministrazione della Viola Basket, preso atto dell’ulteriore percorso di maturazione compiuto da questa società nell’ultimo biennio, atteso soprattutto il particolare momento storico societario con le relative difficoltà di ordine economico che si riscontrano anche nell’intero sistema Basket e nel territorio, in cui si rende necessaria una gestione integralmente manageriale che crei opportunità e condizioni di stabilità immediata sia economica che finanziaria, ha unanimemente deliberato il proprio scioglimento.
Entro trenta giorni sarà convocata l’Assemblea per la nomina del nuovo organo amministrativo. Fino all’espressione formale assembleare, la Proprietà, su proposta dello stesso Consiglio dimissionario, affida con effetto immediato la piena gestione di ogni successiva operazione al Dott. Raffaele Monastero, a cui è formalmente affidato il compito di comporre e guidare il nuovo organo amministrativo, e al General Manager Gaetano Condello.

giusva-brancaStamattina le dichiarazioni del Presidente uscente della Viola Basket Reggio Calabria, Giusva Branca: “Il Consiglio di Amministrazione dimissionario ha ritenuto opportuno e necessario indirizzare il cammino del Club verso la nomina di un organo di gestione di livello tecnico-finanziario-manageriale caratterizzato da un profilo specifico funzionale alle immediate esigenze di ordine finanziario e congruo alla nuova fase di ulteriore crescita che si apre per la Società. Continuerò con altri ruoli ad essere funzionale al progetto che 2 anni addietro ho intrapreso su mandato della proprietà – che ringrazio per il privilegio accordatomi – e che, mi piace sottolinearlo, ha portato la Viola Basket a occupare nuovamente un posto di riferimento stabile e riconosciuto nel panorama del basket nazionale. Esattamente da qui, ancora tutti assieme, partiamo per costruire un futuro ulteriormente in crescita per la nostra Viola, unico bene supremo per il quale tutti abbiamo il dovere etico e morale di spenderci in prima persona, animati esclusivamente da puro spirito di servizio”.