Finita con la serata concorso la permanenza a Cosenza di 9 giovani fashion designer canadesi

da Bruna Larosa —

Si è conclusa ieri sera a Cosenza la permanenza cosentina di nove giovani fashion designer canadesi, allieve dell’unica scuola di moda e stilismo presente nella regione dello York, giunte in Italia per conoscere il metodo di studio dell’Accademia New Style con l’agenzia “Tra di noi”. “Fashion… this is it – tra arte e cultura… la MODA!” è stato il momento clou di tutte le giornate trascorse tra Cosenza e il suo hinterland. Nel corso della settimana le stiliste canadesi sono state in Sila che è diventata il set per la loro lezione di shooting fotografico, hanno assistito alla selezione delle modelle e all’attribuzione degli abiti.

moda Cosenza fashionLa serata concorso è stata un vero e proprio evento. La conduzione, affidata a Gigi Miseferi, Valentina Zinno, Anna Aloi, Francesca Ramunno e Italo Palermo, è stata caratterizzata da più voci, tutte frizzanti e capaci di intrattenere il pubblico. Protagonista la moda, anzi il concorso. E questo concorso ha avuto una giuria di prestigio: il presidente è stato Nino Masso, modellista Fendi, ci sono stati poi Giuseppe Fata, presidente della Camera Nazionale Giovani Fashion Designer; Anna Aloi, conduttrice tv, Manuela Cuconato, presidente Cif San Fili, dalla dottoressa Concetta De Rose e da Giada Falcone della A pois eventi.
Vincono il concorso Fashion… This is it: 1* posto tra i partecipanti italiani Marina Vespa, 2* Noemi Moretti, 3* Aldo Veraldi. Zahira Barzuto si è aggiudicata il 1* premio tra le canadesi in gara, sempre lei ha vinto un altro premio offerto dalla Camera nazionale giovani fashion designer, ovvero la partecipazione alla Fashion week dello Stretto 2017. Premio anche per gli abiti creati da Natalie Giordano. Due premi i speciali offerti: uno dall’Atelier Piazza di Spagna, conferito a Luca’ Guenda, e un secondo voluto dalla CNGFD, ovvero la partecipazione di diritto alla fashion week 2017 conferito a Gabriella Santelli.

La serata è stata animata da momenti di puro spettacolo: dalla voce di Ottavio Sirianni, alla musica del gruppo musicale Astal. Particolarmente gradito l’intermezzo dei pizzaioli acrobatici e il momento dedicato all’arte dell’acconciatura. Affascinante e d’effetto la coreografia proposta da Barbara Carbone dell’associazione Harem, il tempio delle odalische. Coinvolgente il contributo della Compagnia delle Alghe, che ha proposto al pubblico un piccolo estratto del suo ultimo musical, Il Re Leone.

Nel corso di “Fashion… this is it – tra arte e cultura… La MODA!”, a sorpresa, hanno ricevuto una targa al merito Nino Masso, per la passione e la dedizione con cui ha contribuito alla diffusione del made in Italy; e Giuseppe Fata, per l’impegno che profonde nel valorizzare i giovani talenti della moda.