Renzi inaugura il Viadotto Italia sull’A3: «Quando siamo partiti ridevano di noi»

“Quando siamo partiti ridevano di noi, il 22 dicembre percorreremo questa infrastruttura da Salerno a Reggio Calabria con Delrio, andremo piano, la scorta se vuole segue”. Lo ha affermato il premier Matteo Renzi inaugurando il viadotto Italia sulla Salerno-Reggio Calabria, sostenendo che per l’Italia “nessuna impresa è impossibile”. “Lotta senza pietà alla corruzione che ha rubato non solo soldi ma anche il futuro. Così saremo in condizioni di raccontare che quando c’è una grande opera da fare i nostri ingegneri sono i più bravi del mondo” ha aggiunto poi,  sostenendo che “c’è un grande tema infrastrutture in Italia e dobbiamo avere consapevolezza che le infrastrutture sono uno degli strumenti per uscire dalla crisi”.

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha ricordato Adrian Miolca, l’operaio morto il 2 marzo 2015 nel crollo di una campata del vecchio tracciato del viadotto Italia. “Il primo pensiero – ha detto Renzi – è per chi ha perso la vita, è per Adrian, per la sua famiglia, per i suoi colleghi. L’impegno per garantire il massimo della sicurezza è stato profuso anche nel suo nome”.

Renzi Viadotto Italia
L’inaugurazione del Viadotto Italia sulla Salerno-Reggio Calabria

“Questa A3 è un simbolo”

“C’è una parte di italiani, soprattutto politici – dichiara Renzi – che pensa che se tutto va male è quasi meglio perché possono lamentarsi. E c’è invece chi si sveglia presto la mattina e spera che le cose vadano meglio e, soprattutto, lavora per farle andare meglio. A loro dico che questa A3 è un simbolo”. “La discussione sul Mezzogiorno fino ad un anno fa era tutta in negativo. Ora ci sono i dati, che certamente non ci bastano. C’è un piano pluriennale per il Mezzogiorno di 12,8 miliardi di euro. Ora ci devono credere i cittadini”. A dirlo il premier Matteo Renzi. “Spesso mi accusano – ha aggiunto – di raccontare solo cose belle, ma non è così. Oggi in Molise vado a San Giuliano di Puglia dove 14 anni fa crollò una scuola e vado ad incontrare i genitori di quei bambini. Vado lì perché lo Stato non ha mantenuto i suoi impegni in questi anni e vado a dire che non siamo il Paese che va raccontato solo a colori, ma che l’Italia è un Paese che nelle difficoltà è in grado di affrontarle e superarle”.

“Presto ripresa lavori su Statale 106”

In merito alla strada statale 106 il Premier aggiunge: “avevo preso un impegno anche sulla Statale 106. Posso dire che i progetti sono tornati dal Consiglio dei lavori pubblici e questo ci dà la possibilità di chiudere la vicenda burocratica e far ripartire i lavori. Ci sono 1,2 miliardi di euro di lavori utili per l’Italia e per la Calabria che sono anche un’occasione importante di lavoro”.

Presidente Oliverio: “Ci mettiamo alle spalle telenovela che dura da un lungo periodo”

“E’ una bella giornata questa – ha affermato il governatore della Calabria Mario Oliverio – perché finalmente ci si mette alle spalle una telenovela che dura da un lungo periodo e che ha prodotto soprattutto nel periodo estivo disagi e difficoltà” ha detto nell’occasione Oliverio.

“Il Presidente del Consiglio Renzi – ha proseguito-  ha confermato  l’impegno preso quando ha annunciato che sarebbe venuto a luglio per inaugurare la riapertura di un tratto importante, con il completamento del viadotto Italia. Siamo in un tratto che è quello tra i più difficili data l’orografia del terreno e che dal punto di vista delle opere ingegneristiche richieste è più difficili da realizzare.” “Il tratto- ha evidenziato il Presidente della Regione-  si apre con circa un anno di anticipo rispetto ai tempi contrattuali,  come evidenziato dalle imprese che hanno realizzato i lavori. Oggi la Calabria viene raggiunta con una percorrenza sicura e normale. Anche i tratti sui quali bisognerà intervenire, e penso a quello tra  Cosenza e Grimaldi,  saranno realizzati su un nuovo tracciato quindi non si riproporrà quanto successo negli anni passati, quando gli interventi sul vecchio tracciato hanno  contribuito a determinare gravi disagi nel corso dei venti e più anni che abbiamo alle spalle, con  una sofferenza nella mobilità tra  Calabria resto del Paese.”

Parlando, quindi, sollecitato dai giornalisti presenti, della strada statale 106, il Presidente ha affermato: “ Renzi oggi ha confermato in modo chiaro la volontà del governo di realizzare l’ammodernamento della 106 e di accelerare le procedure per l’avvio dei lavori del megalotto n. 3 Sibari- Roseto. Si conferma così un impegno per il quale già nei giorni scorsi avevamo assunto una iniziativa per evitare che le osservazioni del Consiglio superiore dei lavori pubblici diventassero una ragione di rallentamento o,  peggio,  di impedimento nella realizzazione di una infrastruttura strategica per la nostra regione e per il collegamento del corridoio adriatico con la A3.”