500mila euro per la memoria di Calabria: San Francesco da Paola vale 300, Corrado Alvaro e i santuari mariani 100

dal Consiglio regionale della Calabria —

La seconda Commissione consiliare, ‘Bilancio, programmazione economica e attività produttive, affari dell’Unione europea e relazioni con l’estero’, presieduta dal consigliere Giuseppe Aieta, nel corso dei lavori odierni ha approvato all’unanimità una proposta di legge di iniziativa della Giunta regionale – relatore lo stesso Aieta – con cui si apporta una variazione finanziaria al Bilancio di previsione 2016/2018.

santuario di Paola“Si tratta di un atto importante – ha detto il presidente della Commissione – significativamente condiviso all’unanimità dai colleghi, con cui la Giunta regionale impegna complessivamente 500 mila euro per coprire le spese relative alle manifestazioni in ricordo di San Francesco di Paola (300 mila euro), 100 mila euro per il sessantesimo anniversario della scomparsa dello scrittore Corrado Alvaro, e la somma restante per i Santuari Mariani. La Regione vuole così puntare a far rivivere nella memoria collettiva personaggi straordinari che per la loro caratura storica, religiosa o laica che sia, meritano di essere ricordati per le loro origini calabresi”.

Nel corso dei lavori, con l’astensione dei consiglieri Arruzzolo e Orsomarso, la Commissione ha approvato due proposte di provvedimento amministrativo di iniziativa della Giunta regionale con cui si approva il rendiconto di gestione dell’Aterp della provincia di Catanzaro relativo all’esercizio 2014, e il Bilancio 2016/2018 della stessa Azienda per l’edilizia popolare. L’organismo, con il voto contrario del consigliere Orsomarso, ha altresì approvato una proposta di legge deliberata dalla Giunta regionale per “conferire  al Commissario unico per la liquidazione delle Comunità montane la facoltà di utilizzare le poste attive di una delle Comunità montane per estinguere le poste passive di altra Comunità montana, con l’incarico di concludere le operazioni entro sei mesi, prorogabili di ulteriori sei dalla data di pubblicazione della normativa”.
Inoltre (voto contrario dei consiglieri Arruzzolo e Orsomarso), l’organismo ha dato parere positivo ad una proposta di legge della Giunta regionale per il ‘Riconoscimento della legittimità dei debiti fuori bilancio ai sensi dell’art.73 del Dlgs 23 giugno 2011 (Principi di contabilità generale per Regioni, Province e Comuni) e ad un progetto di legge, proponente il presidente Giuseppe Aieta, con cui “ si concedono tre anni, anziché due, per l’utilizzo dei finanziamenti afferenti a programmazioni di opere pubbliche a valere sui fondi regionali, qualora per gli stessi non sia stato comunicato al competente Dipartimento regionale l’avvenuto inizio dei lavori ed inviata copia del contratto di mutuo corredata dal piano di ammortamento”.

Nel corso della seduta, la Commissione ha audito il presidente regionale dell’Unione italiana ciechi, Paolo Marcianò, in ordine ad un contributo richiesto dall’associazione ai fini del raggiungimento degli obiettivi sociali. Al dibattito in Commissione hanno inoltre contribuito il segretario-questore del Consiglio regionale Giuseppe Neri e i dirigenti del Dipartimento Bilancio della Regione Filippo De Cello e Stefania Bonaiuto.