Arrestato a Sant’Anna di Seminara (Rc) Antonio Pelle “Frunzu”

AntonioPelle catturaRc1Ha tentato di sfuggire alla cattura nascondendosi sul tetto dell’abitazione in cui si era rifugiato Antonio Pelle, il latitante con addosso due ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip del Tribunale di Roma per traffico internazionale di droga. I tetti non sono bastati: è statoo arrestato all’alba dai carabinieri a Seminara. Il particolare della fuga sui tetti, come tutti gli altri dettagli, è emerso nella conferenza stampa di stamattina.

Pelle non era armato e non ha opposto resistenza, una volta raggiunto. Si trovava in un’abitazione di contrada Sant’Anna a Seminara, di proprietà del 48nne Antonino Penna, noto alle forze dell’ordine per piccoli precedenti, arrestato per favoreggiamento. Penna, in casa assieme alle due figlie, non risulterebbe legato alla criminalità organizzata.

AntonioPelle catturaRcSecondo gli investigatori il latitante Antonio Pelle, alias “Frunzu”, di Benestare, sarebbe un elemento di spicco della cosca Vottari. Si trovava solo di passaggio nella Piana di Gioia Tauro: si ritiene negli ultimi quattro anni si fosse nascosto nella Locride. Irreperibile dal maggio del 2012, quando era sfuggito all’arresto nell’ambito dell’operazione denominata “Good Luck”, Pelle è ritenuto elemento di spicco della cosca Vottari. Nel 2007 era stato arrestato nell’ambito delle operazioni che seguirono la strage di Duisburg collegata alla faida di San Luca tra i Pelle-Vottari e i Nirta-Strangio.
Il colonnello Falferi, nel corso dell’incontro con i giornalisti, ha sottolineato “le capacità maturate dalle stazioni in grado di rilevare le anomalie sui territori” mettendo in evidenza l’apporto fornito dallo Squadrone eliportato Cacciatori per il buon fine dell’operazione.