Ingiunzioni di pagamento non pagate: Reggio agevola i morosi

dal Comune di Reggio Calabria

Il Comune di Reggio Calabria, aderendo alle previsioni di cui al DL 193/2016 convertito con modificazioni dalla legge 225/2016, ha regolamentato con deliberazione del Consiglio comunale, la definizione agevolata delle entrate, anche tributarie, non riscosse a seguito di provvedimenti di ingiunzione di pagamento notificati negli anni dal 2000 al 2016, e per le quali l’Ente non abbia formato e trasmesso all’agente della riscossione il ruolo per la riscossione a mezzo cartella esattoriale.

L’adesione alla definizione agevolata comporta l’esclusione delle sanzioni applicate nell’atto portato a riscossione coattiva tramite ingiunzione di pagamento, con esclusione delle sanzioni diverse da quelle irrogate per violazioni tributarie nonchè, con riferimento alle sanzioni amministrative per violazione del codice della strada, all’esclusione degli interessi moratori e della maggiorazione di un decimo per ogni semestre.

I debitori possono estinguere il debito, senza corrispondere le sanzioni, versando:

  1. le somme ingiunte a titolo di capitale ed interessi;
  2. le spese relative alla riscossione coattiva, riferibili agli importi di cui alla precedente lettera a);
  3. le spese relative alla notifica dell’ingiunzione di pagamento;
  4. le spese relative alle eventuali procedure cautelari o esecutive sostenute.

Possono essere oggetto di definizione agevolata  anche le controversie riguardanti le ingiunzioni fiscali, pendenti in ogni stato e grado, comprese quelle per le quali alla data del 31 dicembre 2016 siano intervenute sentenze o decisioni, purché non definitive, assumendo l’impegno a rinunciare agli stessi giudizi.

Ai fini della definizione agevolata, il debitore presenta al Comune di Reggio Calabria, a pena di decadenza, entro il 31 marzo 2017, mediante consegna diretta o posta elettronica certificata all’indirizzo tributi@pec.reggiocal.it o a mezzo posta raccomandata A/R (nel qual caso farà fede la data di spedizione), apposita istanza, pubblicata sul sito internet http://www.reggiocal.it e della preposta società comunale www.reges.it, con indicazione di ogni dato utile alla verifica dell’istruttoria da parte dell’Amministrazione sul proprio sito istituzionale e su quello della propria società partecipata incaricata dell’accertamento e riscossione delle entrate tributarie ed extratributarie.

Il Comune informa sull’accoglimento o il rigetto dell’istanza entro 30 giorni dal ricevimento della stessa, motivando l’eventuale provvedimento di rigetto dell’istanza di adesione. Qualora l’istanza venga accolta, il Comune, comunica entro il 30 giugno 2017 ai debitori l’ammontare complessivo delle somme dovute ai fini della definizione, le modalità di pagamento, nonché l’importo delle singole rate, il giorno e il mese di scadenza di ciascuna di esse, attenendosi ai seguenti criteri:

  1. versamento unico: entro il 31 luglio 2017;
  2. versamento in due rate di pari importo, di cui la prima entro il 31 luglio 2017 e la seconda entro il 30 aprile 2018;
  3. versamento in tre rate di pari importo, di cui la prima entro il 31 luglio 2017, la seconda entro il 30 novembre 2017 e la terza entro il 30 aprile 2018;
  4. versamento in quattro rate di pari importo, di cui la prima entro il 31 luglio 2017, la seconda entro il 30 novembre 2017, la terza entro il 30 aprile 2018 e la quarta entro il 30 settembre 2018.

Ogni richiesta informativa può essere soddisfatta telefonando agli uffici della RE.G.E.S. s.p.a., al n. 0965/631911 o 0965/631952, ovvero recandosi presso i medesimi Uffici in Via Sbarre Inferiori n° 304/A – 89129 Reggio Calabria, negli orari d’ufficio dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 12:30 e dal lunedì al giovedì dalle 14:00 alle 16:00.