Un protocollo d’intesa per rispettare l’identità delle persone attraverso i mass media

dal Consiglio regionale della Calabria

Il rispetto dell’identità della persona quale principio fondamentale da tutelare nel contesto dell’evoluzione dei ruoli nella società e la lotta contro gli stereotipi di genere attraverso un ruolo propulsivo dei mezzi di comunicazione, sono i punti qualificanti del protocollo d’intesa che è stato sottoscritto, questo pomeriggio, tra la Commissione Regionale per l’uguaglianza dei diritti e delle pari opportunità fra uomo e donna e il Comitato Regionale per le Comunicazioni.

Nell’Aula “Tonino Acri” di Palazzo Campanella, nel corso dei lavori moderati da Giampaolo Latella, portavoce del presidente del Consiglio Nicola Irto, i rispetti presidenti, Cinzia Nava e Giuseppe Rotta, hanno messo nero su bianco i principali punti di una collaborazione a largo raggio, che sensibilizzi le emittenti radiotelevisive locali sulla violenza di genere e disegni sul territorio momenti di formazione ed informazione, valorizzando i concetti e le prassi di pari opportunità.

In apertura, il presidente Nicola Irto ha sottolineato “il valore di una iniziativa che mette insieme forze importanti del Consiglio regionale che, nel passato, difettavano a comunicare. Crediamo che questo protocollo vada nella strada giusta per garantire la dignità femminile, contrastando gli stereotipi, l’incitazione alla violenza e ogni rappresentazione degradante, offensiva o discriminatoria della donna”, ha detto Irto, sottolineando il lavoro della Commissione Pari Opportunità “che sta operando con grande serietà e tenendo fede al programma indicato dalla presidente Nava, secondo cui la promozione delle pari opportunità non riguarda solo il rapporto tra uomo e donna nella vita pubblica, ma altresì  la rimozione degli ostacoli e delle barriere anche fisiche che non rendono i cittadini tutti uguali.  Di grande valenza anche l’attività del Corecom che si sta aprendo al territorio ed è tornato a livelli di efficienza notevoli”.

Per la presidente Cinzia Nava “il rischio discriminazioni richiede la salvaguardia del principio di pari opportunità e la dignità della persona, estesa nel campo del lavoro, della salute, della partecipazione, è il valore assoluto da salvaguardare. In questa direzione va l’impegno della Commissione che ho l’onore di presiedere e che ha messo in campo da tempo diverse iniziative, nella consapevolezza che la donna spesso è vista come oggetto di desiderio”.

“Oggi si realizza un obiettivo molto significativo – ha aggiunto il presidente del Corecom Calabria Pino Rotta – : ovvero, mettere insieme l’attività propria della Commissione sui temi della discriminazione con le iniziative del Corecom sulla web education, per portare soprattutto nelle scuole la consapevolezza necessaria dell’uso dei mezzi di comunicazione, tradizionali e nuovi, e quindi delle opportunità collegate”.