Il Comune di Reggio: levigheremo le vecchie basole del corso Garibaldi e scalpelleremo a mano quelle nuove

dal Comune di Reggio Calabria

L’esecutivo comunale ha approvato nei giorni scorsi la perizia di variante in corso d’opera che riguarda la riqualificazione del Corso Garibaldi. L’andamento dei lavori, come è noto, ha attraversato stati di avanzamento oscillanti, legati alla necessità di adeguamento alle prescrizioni della Soprintendenza e segnati dalla necessità di confronto con la stessa. In ultimo, a inizio dell’anno in corso, l’amministrazione ha dovuto fronteggiare un ulteriore step scaturito dall’avvio del procedimento, su iniziativa della Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per la  città Metropolitana di Reggio e la Provincia di Vibo,  che  ha portato a qualificare  la pavimentazione del Corso Garibaldi come appartenente  al novero delle “pavimentazioni d’epoca della città storica”. Da qui un rallentamento dei lavori, scaturito dalla necessità di sottoporre a preventiva valutazione della Soprintendenza di settore qualsiasi intervento riguardante l’opera di riqualificazione del Corso.

L’ulteriore e probabile epilogo  della vicenda  è stato raggiunto, sul finire dello scorso mese di marzo, a seguito dell’emanazione del Decreto 35 da parte del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali,  con cui si è dichiarato a livello nazionale  che le pavimentazioni d’epoca delle città sono da considerarsi  di interesse storico artistico e pertanto sottoposte a tutela. La giunta comunale  pertanto, a seguito della  definizione del quadro normativo complessivo, si è attivata celermente per imprimere un nuovo ritmo ai lavori, approvando la perizia di variante in corso d’opera, proposta dal Direttore dei Lavori, l’arch. Alfonso Cappuccio, di concerto con il Responsabile Unico dell’intervento, l’ing. Marcello Romano.

A seguito di questo decisivo  atto dell’amministrazione  Falcomatà, nel corso dei prossimi giorni, la ditta esecutrice dei lavori provvederà a recuperare e rimettere in posa in prima battuta il basolato storico esistente in buone condizioni. Successivamente a completamento, si procederà al recupero del basolato punzonato e dunque danneggiato. In base alle nuove modalità di esecuzione dei lavori, concordate e accolte con sollecitudine dalla Soprintendenza, la pavimentazione storica danneggiata a seguito di asportazione, potrà essere sottoposta a una particolare lavorazione. Si applicherà infatti quel taglio di superficie necessario a restituire alla pietra lavica, una levigatura ottimale e una perfetta complanarità della pavimentazione.
Questo nuovo cronoprogramma contribuirà a raggiungere quell’auspicato equilibrio invocato da più parti, teso a contemperare le esigenze di  conservazione storica  con quelle dirette ad  assicurare ai reggini un attraversamento uniforme e un tappeto di gradevole aspetto sul salotto buono cittadino che è indubbiamente il Corso Garibaldi. Più volte infatti i rappresentati dell’esecutivo con in testa il  sindaco Falcomatà si erano resi protagonisti di istanze e interventi anche piuttosto decisi, che grazie al continuo confronto con tutti gli attori del procedimento, non ultimi i reggini, hanno portato finalmente  al raggiungimento della quadra agognata.

Al termine di questa fase di lavori approvata in variante,  l’intervento di riqualificazione complessivo,  che sarà completato al più tardi entro l’autunno 2017, sarà sottoposto ad una ulteriore lavorazione denominata “a puntillo” che consentirà di uniformare ulteriormente, il basolato lavico “moderno”  con quello soggetto a tutela e conservazione. Grazie all’impiego di questa antica tecnica, gli scalpellini, a mano, riprodurranno sulle basole storiche, l’alternanza di zone depresse con zone in rilievo, per renderle quanto più simili possibile  alla pavimentazione lavica di nuova fattura.