L’appello di ReggioLiberaReggio a cittadini e imprenditori: basta silenzio

da Libera, coordinamento Reggio Calabria

Nelle ultime settimane, stiamo assistendo ad un aumento esponenziale di atti intimidatori presso esercizi pubblici della nostra Città Metropolitana di Reggio Calabria, già normalmente esposta a episodi di grande o piccola criminalità, organizzata e non. Registriamo, ormai da tempo, una risposta ferma, pronta, puntuale e costante degli organi istituzionali, con i quali condividiamo percorsi spesso difficili di impegno e di servizio nei confronti di situazioni delicate e di particolare sofferenza: beni confiscati, racket, usura, imprenditori minacciati, educazione nelle scuole, accompagnamento di minori, prossimità di situazioni marginali e di estrema povertà.

Il coordinamento territoriale cittadino di Libera – Associazioni, nomi e numeri  contro le mafie – intende  fare un pubblico appello affinché questi momenti di particolare disagio non passino sotto silenzio, incrementando il clima di omertà e di rassegnazione al quale spesso assistiamo non solo nella nostra città. Intendiamo rivolgerci innanzitutto ai cittadini e in particolare ai giovani, per una consapevolezza comune che qualunque atto violento, verso persone o cose, per qualsiasi motivazione, è rivolto anche contro noi tutti, la nostra città e le future generazioni perché spengono la speranza che un futuro diverso sia possibile. E’ necessario e particolarmente urgente un risveglio delle coscienze da parte di tutte le persone oneste, che sappia coraggiosamente impegnarsi su tutti i fronti di contrasto alla criminalità organizzata e non, anche con denuncia.

Intendiamo rivolgerci agli imprenditori, a tutti gli imprenditori e a chi ha ruoli di responsabilità economica nella gestione dell’amministrazione pubblica. E’ arrivato il momento di non stare più in silenzio, di esporsi pubblicamente e dichiarare la propria volontà di non voler avere a che fare (o di scegliere di non avere, da oggi, più a che fare) con la ‘ndrangheta e con chi tiene sotto scacco la nostra città e quindi la nostra libertà. Libera in questo territorio ha volti di persone, ha nomi di associazioni, ha il ricordo della memoria di chi ha perso familiari vittime innocenti della mafia e, come sempre, si sforza di fare la propria parte, al fine di non lasciare soli i cittadini, imprenditori ed istituzioni che hanno deciso di stare dalla parte della legalità.

La Rete di ReggioLiberaReggio permette alle aziende che ne aderiscono e ne hanno i requisiti, di dichiarare pubblicamente il proprio NO a tutte le forme di pizzo e di essere premiati e sostenuti per questa scelta da migliaia di cittadini e organismi attraverso il consumo critico. Lo sportello antiracket SOS Giustizia è un luogo di ascolto e accompagnamento reale e sostanziale per chi decide di denunciare. Questi sono fra gli strumenti che, oggi più di prima, Libera  presenta alla città, chiedendo a tutti di fare la propria parte, con il coraggio e la certezza di non essere soli, sempre più consapevoli che “E’ IL NOI CHE VINCE”.