Diritti e pari opportunità significa anche eliminazione delle barriere architettoniche

dal Consiglio regionale della Calabria

La Commissione regionale per l’uguaglianza dei Diritti e delle Pari opportunità tra uomo e donna, ha avviato un’attività di studio ed approfondimento in materia di “eliminazione delle barriere architettoniche”. Un argomento sul quale, tra l’altro, nell’ultima seduta, l’organismo consiliare ha audito il prof. Francesco Bagnato dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria nel corso di un incontro segnato da un confronto a tutto campo con le commissarie sull’importanza di recuperare, all’interno della “diversità”, spazi e servizi.

“L’obiettivo – spiega la presidente Cinzia Nava – è fornire un contributo, concreto e qualificato, agli organi competenti, valutando anche una eventuale modifica della legge regionale n. 8/1998 “Eliminazione delle barriere architettoniche”. Si tratta di un momento di sensibilizzazione su tematiche di forte impatto sociale e culturale che, al tempo stesso, eleva il senso di partecipazione ai bisogni della collettività, visto che intendiamo collaborare con soggetti istituzionali, enti e associazioni maggiormente rappresentativi che operano nel settore, confrontandoci con loro sulla  possibilità di nuovi modelli o percorsi da intraprendere”.

Per venire incontro allo stato  di disabilità, è necessario mettere in pratica un percorso ben definito. “Proprio così. – ammette Cinzia Nava – Pertanto, d’intesa con la vicepresidente Monica Falcomatà e con tutte le commissarie, operando in sinergia, abbiamo individuato alcuni punti chiave: l’abbattimento delle barriere architettoniche negli edifici destinati alla formazione e al lavoro; interventi finanziari regionali a favore della disabilità; semplificazione delle procedure autorizzative per l’abbattimento delle barriere architettoniche; pratiche innovative a favore dell’accessibilità ai servizi di trasporto e agli spazi della cultura e dello svago (integrata ai PEBA) e pratiche di incentivazione e tracciabilità su programmi operativi regionali e comunali in grado di recepire ed incentivare lo sviluppo della tecnologia in materia di ausili e domotica. Tutto questo- sottolinea ancora la presidente- ha un senso preciso: fare in modo che città e territori siano sempre più accessibili garantendo una migliore qualità della vita di ognuno”.

Cinzia Nava conclude annunciando “l’uscita, in pre-informazione, del bando del Por Calabria con le misure che riguardano il social housing, edilizia sociale-residenziale pubblica che prevede anche la possibilità di adeguamento delle barriere riqualificando edifici, e non solo. I Comuni potranno concorrere al bando per questi progetti e poi finanziare nell’edilizia residenziale pubblica, gestendo i finanziamenti con propri bandi. E’ importante che i Comuni sappiano che la Regione Calabria ha trovato i fondi per le barriere e sarà anche nostro impegno quello di ricordare questo bando, sensibilizzando l’applicazione della legge del 98  e nel caso chiedendo, a chi di competenza, eventuali modifiche”.