Il solstizio d’estate celebrato dal Planetario di Reggio tra musica, mito e scienza

dal Planetarium Pythagoras, Rc

Il 21 giugno alle ore 4:24 di tempo universale (le 6:24 in Italia) si verifica, nel nostro emisfero, il Solstizio d’Estate 2017, mentre nell’emisfero australe si attendono i freddi, infatti, nello stesso giorno, si verificherà il Solstizio d’Inverno. Dal punto di vista astronomico, per Solstizio si intende il momento in cui il Sole, nel suo moto apparente lungo l’eclittica, raggiunge il suo punto massimo o minimo di declinazione.
In altre parole, nel giorno del Solstizio d’Estate la nostra stella raggiunge la sua massima altezza nell’emisfero boreale e la minima in quello australe, mentre accade l’esatto contrario durante la ripetizione invernale. Il fenomeno è dovuto dall’inclinazione dell’asse terrestre lungo l’eclittica e, come facile intuire, determina anche la giornata più lunga e quella più corta dell’anno. In questo giorno il Sole celebra il suo trionfo e allo stesso tempo inizia il suo declino: le giornate, infatti, cominciano ad accorciarsi.

A Reggio Calabria, nel giorno più lungo dell’anno, il Sole sorge alle 5:34 e tramonta alle 20:23: il dì dura 14 ore e 49 minuti. Inizia così l’Estate astronomica in città.

Sin dai tempi più remoti il cambio di direzione che il Sole compie, tra il 20 e il 22 giugno, è stato visto come un momento particolare e magico. Il Sole, in questo periodo, sembra fermarsi, sorgendo e tramontando sempre nello stesso punto sino al 24 giugno quando ricomincia a muoversi sorgendo gradualmente sempre più verso sud.
I solstizi sono stati in passato eventi di grande importanza, osservati da millenni e alla base di tante conquiste, sia del pensiero scientifico e filosofico che della vita quotidiana. Il gran numero di usanze e di piccoli rituali ancora oggi vivi in tutta Europa testimoniano che il solstizio estivo resta uno degli eventi astronomici più amati e profondamente intessuti nella cultura popolare.

Quest’anno in concomitanza con i festeggiamenti per l’arrivo “ufficiale” dell’Estate si svolgerà in tutta Italia anche la Festa della Musica promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Una festa che coinvolgerà in maniera organica tutta l’Italia trasmettendo quel messaggio di cultura, partecipazione, integrazione, armonia e universalità che solo la musica riesce a dare. L’evento programmato dal Planetarium Pythagoras, in collaborazione con il Conservatorio “Francesco Cilea” di Reggio Calabria e l’Associazione Italiana Parchi Culturali, mercoledì 21 giugno alle 20 prevede una esibizione del Maestro di Chitarra Salvatore Zema con gli Allievi Antonio Caminiti e Dorian Falconeri, sulle trascinanti note di Mauro Giuliani, Fernando Sor e Danze Popolari del Repertorio Flamenco, a seguire la prof.ssa Angela Misiano terrà una conversazione sul tema: “Il Solstizio d’Estate tra mito e scienza” e contestualmente un intervento del dott. Francesco Macheda, Dirigente Città Metropolitana di Reggio Calabria, dal titolo “Il Solstizio d’Estate e il culto del Sole nella tradizione dei popoli”.

Al termine gli Esperti del Planetario, Rosario Borrello, Marica Canonico e Carmelo Nucera, guideranno il pubblico presente in un coinvolgente viaggio sotto la cupola del Planetario e nell’osservazione con gli strumenti, dal piazzale antistante il Planetario, degli oggetti più luminosi del Cielo estivo con un’attenzione particolare ai pianeti Giove e Saturno. La manifestazione è inserita del programma “Estate Reggina 2017”.