La tappa pre-festival dell’ospitalità a Gambarie (Rc)

da Francesco Biacca

Il team della 3° edizione del Festival dell’Ospitalità (29-30 Sett. 1 Ottobre 2017/Scilla), prosegue l’ Inspiring Tour con la 4° tappa che si svolgerà questa volta tra la montagne calabresi dell’Aspromonte. Il Tour pre-festival che sta toccando diverse località, città e paesi della penisola, ha l’obiettivo di incontrare nuove e virtuose realtà nel mondo dell’ospitalità, mettere in evidenza best practice e offrire un’opportunità di formazione gratuita con i professionisti del settore ricettivo. La terza edizione del Festival dell’Ospitalità vuole del resto mandare un messaggio chiaro: “Di ospitalità si può vivere, il territorio può dare delle grandi opportunità lavorative, ma per farlo c’è bisogno di unire passione e competenze, creatività e formazione, autenticità e strategia.”
Soprattutto, è necessario creare sinergia tra le diverse realtà territoriali, incentivando pratiche innovative e professionali nel settore ricettivo.

L’evento di Giovedì 17 Agosto, che si svolgerà presso Il Bucaneve – Casa vacanze di Gambarie d’Aspromonte a partire dalle ore 16.00, vedrà protagonisti operatori turistici del territorio, gestori di strutture ricettive e professionisti dell’ospitalità che terranno tre workshop formativi: il primo di Danilo Messineo, Hospitality manager di EverMind che ci porterà nel cuore del concetto di Ospitalità, attraverso il racconto delle sue dirette esperienze. Il secondo con Francesco Biacca, tra gli organizzatori del Festival, che con il workshop “Strategie digitali per il turismo”, fornirà una serie di strumenti fondamentali per una promozione innovativa, efficace e sana del territorio e delle opportunità che è in grado di offrire al viaggiatore.
Terzo intervento virtuoso e formativo quello di Roberta Caruso, imprenditrice dell’ospitalità, che con la sua Home 4 Creativity ha realizzato a Montalto Uffugo (CS) la prima vera esperienza italiana di turismo residenziale e coliving.

Avremo modo di conoscere e ascoltare la storia di Nicola Casile, guida ufficiale del parco nazionale dell’Aspromonte, che assieme ad altri operatori ed associazioni locali ha dato vita a Visit Aspromonte, Ecoturismo e Trekking in Calabria.
Tra le strutture ricettive, scopriremo la filosofia ospitale de Il Bucaneve che mette al centro del proprio lavoro la volontà di far vivere “ da un punto di vista intimo l’enogastronomia locale, la sua natura, la sua montagna, ma anche i volti di chi la abita, gente accogliente e calorosa.”

La 4° tappa del festival dell’Ospitalità rappresenta un’opportunità di formazione e dialogo per chi opera nel territorio e vuole creare i presupposti per lo sviluppo di un turismo sostenibile e longevo: per farlo è necessario conoscere gli strumenti a disposizione, le potenzialità che offrono e soprattutto creare una rete coesa di interazione e cooperazione territoriale. L’evento è rivolto a strutture ricettive, ristoratori, giornalisti, blogger, scuole e università e professionisti nel settore turistico.
La 4° tappa dell’Ispiring tour si concluderà con il concerto di Marinella Rodà.

PROGRAMMA DELLA GIORNATA
GIOVEDÌ 17 AGOSTO – ORE 16.00 – 20.30

– Apertura del lavori: Domenico Vitale – VisitAspromonte
– Saluti dalle Istituzioni: Francesco Malara – Sindaco di Santo Stefano in Aspromonte
– Domenico Cappellano – Console Regionale Touring Club Italiano
– Francesco Biacca – Il Festival dell’Ospitalità

FORMAZIONE: STRUMENTI E INNOVAZIONE PER L’OSPITALITÀ
– Viaggio al centro dell’Ospitalità. Danilo Messineo, Hospitality Manager – EverMind, Festival dell’Ospitalità
– Home4Creativity, nuovi modelli di ospitalità, turismo residenziale e coliving – Roberta Caruso
– Workshop “Strategie digitali per il turismo”. Francesco Biacca – EverMind, Festival dell’Ospitalità

OSPITALITÀ: LE BUONE PRATICHE DEL SETTORE RICETTIVO
– L’ospitalità del rifugio Biancospino. Barca Antonio, gestore del rifugio
– Hotel Bucaneve, tra enogastronomia e natura

OPPORTUNITÀ: VIVERE E SCOPRIRE IL TERRITORIO
– Giuseppe Bombino – Presidente del Parco Nazionale dell’Aspromonte
– Nicola Casile – VisitAspromonte, escursionismo e trekking in Calabria

A seguire
Concerto dell’artista Marinella Rodà

Come nasce il Festival dell’Ospitalità

Il Festival dell’Ospitalità nasce in Calabria, nel 2015 da un’esigenza maturata negli anni: creare un momento d’incontro in cui discutere, riflettere e ragionare sui cambiamenti profondi che investono tutt’oggi un settore in crescita e sempre più importante: il turismo contemporaneo.
Per la terza edizione del Festival dell’Ospitalità (29-30 Sett. 1 Ottobre 2017 / Scilla) vogliamo dare un messaggio chiaro:
Di ospitalità si può vivere, il territorio può dare delle grandi opportunità lavorative, ma per farlo c’è bisogno di unire passione e competenze, creatività e formazione, autenticità e strategia
Si vuole mettere in evidenza l’importanza di ragionare su nuovo modo di fare ospitalità, lontano da logiche predefinite del turismo di massa,  ma non per questo basato su improvvisazione e mancanza di professionalità. Il Festival vuole essere il punto di incontro e dialogo tra chi opera con passione e capacità nel territorio, per creare una sinergia virtuosa e fornire allo stesso tempo strumenti fondamentali per l’innovazione turistica.
Saranno 3 in particolare i concetti suo quali ci concentreremo: Ospitalità, opportunità e promozione. Le nuove parole del turismo contemporaneo, sostituiscono termini che hanno  contraddistinto lo sviluppo del turismo tradizionale e di massa, per delineare un nuovo modello turistico: sostenibile, autentico, rispettoso del territorio e delle sue tradizioni. Non parliamo di “settore ricettivo”, ma di Ospitalità. Perché ospitare non è solo offrire un posto in cui dormire, ma è divulgare conoscenza, far vivere esperienze, condividere idee e culture. Suggerire al viaggiatore le esperienze più significative per vivere un territorio è dare un’Opportunità, non semplicemente vendere un servizio. Si favorisce l’incontro, la conoscenza e la scoperta di una cultura. Pro-muovere, progredire, andare avanti. Promozione è il digitale che incontra l’uomo, lo invita alla scoperta che si trasforma in esperienza vissuta. Il territorio si promuove on-line per essere vissuto off-line. Il Festival vuole essere un’opportunità di incontro e confronto tra queste  realtà,  con lo scopo di facilitare la creazione di reti, nuove relazioni e iniziative condivise.