Catanzaro, colpita un’organizzazione dedita al traffico di stupefacenti

Alle prime luci dell’alba i Carabinieri di Catanzaro hanno dato esecuzione ad una ordinanza applicativa di misura cautelare, emessa dal GIP del Tribunale di Catanzaro, su richiesta della Procura della Repubblica di Catanzaro DDA, nei confronti di 15 soggetti ritenuti responsabili , a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, detenzione e spaccio di stupefacenti in concorso e detenzione illegale di armi e munizioni.

L’attività investigativa, condotta dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Catanzaro, ha permesso di disarticolare un potente sodalizio criminale operante nella zona sud del capoluogo.

OPERAZIONE SCATURITA DALL’INDAGINE SU UN OMICIDIO

È scaturita dalle indagini sull’omicidio di Alessandro Morelli, avvenuto il 6 novembre 2014, l’operazione “All Ideas” con la quale i carabinieri hanno stroncato un imponente spaccio di droga a Catanzaro. Quindici le persone destinatarie di misure restrittive, sette delle quali in carcere, altrettante agli arresti domiciliari e una con obbligo di dimora.

Gli indagati, tra cui cinque donne, sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, aggravata dalla disponibilità di armi e detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti in concorso.

Le accuse sono di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, detenzione e spaccio di stupefacenti in concorso e detenzione illegale di armi e munizioni.

L’attività investigativa, condotta dal Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Catanzaro, ha permesso di disarticolare un’organizzazione criminale operante nella zona sud della città. L’ordinanza di custodia cautelare prevede sette persone in carcere, sette agli arresti domiciliari e una con obbligo di dimora. Gli indagati, tra cui cinque donne, sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, aggravata dalla disponibilità di armi e detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti in concorso.

Il provvedimento eseguito oggi è scaturito da un’indagine avviata dal Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Catanzaro dopo l’arresto in flagranza di Marcello Amato, considerato il capo dell’organizzazione, avvenuto il 6 novembre 2014, per l’omicidio ai danni di Alessandro Morelli.

In particolare, dopo il delitto i militari hanno avviato una serie di attività di intercettazioni telefoniche e ambientali, grazie alle quali è stato possibile non solo acquisire ulteriori elementi sull’omicidio, ma anche accertare il coinvolgimento dell’autore del delitto e di numerosi altri personaggi, legati tra loro da vincoli di parentela, rispetto ad un fiorente spaccio di sostanza stupefacente, soprattutto cocaina.

Il contenuto criptico delle intercettazioni, insieme alle dichiarazioni degli acquirenti della sostanza stupefacente, sottoposti a controlli nel corso delle indagini, ha consentito di ricostruire diversi episodi di compravendita di cocaina, con un contesto associativo a conduzione prettamente familiare, fortemente radicato sul territorio (in particolare nel quartiere “Pistoia” di Catanzaro) e coperto da un consolidato clima di omertà.

Nonostante l’ostilità sociale che caratterizza l’area, le attività investigative hanno permesso di disarticolare il sodalizio, riconoscere le principali piazze di spaccio, alcune delle quali note per la massiccia presenza di persone di etnia rom e costantemente presidiate da “vedette” dell’organizzazione (quartieri Pistoia, Santa Maria e Catanzaro Lido), individuare due distinti canali di approvvigionamento (province di Vibo Valentia e Reggio Calabria) e rinvenire e sequestrare armi e munizioni, oltre a denaro contante e buoni fruttiferi per un valore complessivo di 330.000 euro, ritenuti provento dell’attività di spaccio e sottoposti oggi a sequestro preventivo.

Tra i destinatari del provvedimento figurano l’ideatore dell’organizzazione, Marcello Amato, i suoi tre diretti collaboratori e altre undici persone coinvolte nell’associazione dedita all’attività di spaccio.