Le speranze del capitano della Viola Reggio Calabria

da Vittorio Massa

Il capitano della Viola Reggio Calabria, Matteo Fallucca, è stato ospite di Break In Sport, format radiofonico in onda sulle frequenze di Radio Antenna Febea. L’ala romana ha così commentato il suo ritorno in riva allo Stretto, quest’anno con i gradi di capitano.

“Non mi aspettavo di tornare con questo ruolo. Era una speranza, essere capitano qui,dopo una ripartenza societaria, è molto importante. Ringrazio tutti quelli che hanno preso questa decisione. Torno a Reggio dopo due anni per ripartire. Due anni fa non sono andato via per la società, per la città, per i compagni ma a causa di una situazione tecnica per me difficile. Sono felicissimo di poter avere una seconda opportunità con la Viola. Ho deciso di scendere in B in un progetto molto ambizioso, l’AU Coppolino è stato molto convincente”.

Sin dalle prime settimane il gruppo sembra essere un punto di forza.
“Stiamo creando un grande gruppo, abbiamo tutti più o meno la stessa età e questo aiuta. Vi apro le porte dello spogliatoio dicendo che c’è lo giusto spirito, collaboriamo, cerchiamo di giocare insieme. Dobbiamo crescere in tante cose ma il gruppo è l’ultimo dei problemi”.

Tanti giovani compagni. Su chi scommetterebbe Matteo Fallucca ?
“Non c’è un solo giovane che può esplodere. Noi siamo una squadra lunga che può avere protagonisti diversi in tutte le partite. Non c’è nessuna star definita ma non c’è neanche chi farà il decimo senza mai giocare. Alla lunga questo potrebbe essere proprio il nostro punto di forza”.

Quali sono i tuoi obiettivi?
“Dobbiamo arrivare tra le prime quattro, poi vedremo. I play off sono un campionato a parte, dipende molto da come arrivi in quella fase. Io voglio aiutare la squadra, il mio sogno sarebbe ritornare in A2 con Reggio entro prossimi due anni”.

In chiusura, un messaggio per i tifosi:
“Avremo bisogno di un PalaCalafiore il più pieno possibile, c’è stata una risposta importante già durante la campagna abbonamenti. Vogliamo fare una grande prestazione già all’esordio con Matera per convincere ancora più persone ad esserci per il nostro esordio casalingo”.