Alle istantanee di Claudio Magris il Premio “Italo Falcomatà” del Rhegium Julii

da Teresa Scordino

Si rinnova l’appuntamento con i “Premi Rhegium Julii”, che proprio quest’anno festeggiano 49 anni di lunga e prestigiosa presenza nel panorama culturale di Reggio Calabria. Per l’edizione 2017, la giuria ha deciso di assegnare il Premio Internazionale Città dello StrettoPremio Italo Falcomatà allo scrittore Claudio Magris per il volume Istantanee (La nave di Teseo). Per la sezione studi meridionalistici, intitolato allo storico reggino Gaetano Cingari, il riconoscimento è stato attribuito al prof. Aurelio Musi per il volume Mito e realtà nella nazione napoletana (Guida).

Nell’ambito della cerimonia di premiazione della 49^ edizione dei Premi Rhegium Julii, che si terrà sabato 21 gennaio ore 18 presso la Sala “Monteleone” del Consiglio Regionale della Calabria, relatori saranno i professori Antonino Zumbo, pro-rettore dell’Università per Stranieri e Giuseppe Caridi, presidente della Deputazione di Storia Patria della Calabria.

Claudio Magris, illustre scrittore triestino, germanista e senatore della Repubblica, incontrerà nella mattinata di sabato 21, gli studenti del Liceo “Vinci” di Reggio Calabria e del Liceo di Sant’Eufemia d’Aspromonte.

L’associazione culturale Rhegium Julii, presieduta da Giuseppe Casile, nonostante qualche difficoltà, prosegue nella sua missione culturale a servizio della città e può vantare il merito di aver precorso i tempi, con riferimento all’odierna dimensione metropolitana della città di Reggio Calabria. Infatti, la prima conurbazione sul piano culturale con la città di Messina è da attribuirsi al Rhegium Julii, con l’istituzione nel 1984 del Premio Internazionale “Città dello Stretto”.